introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

 

L’ora del tramonto è la più critica. Ma non in città. Nelle nostre città, a disturbare il momento malmosto del passaggio dal sole morente al buio, ci sono sempre molte luci, c’è sempre un palazzo o un ostacolo costruito dall’uomo. In campagna è diverso, è diverso in montagna o al mare. Il posto migliore per fissare quell’istante è su una collina da dove si vedono l’orizzonte, il mare e il sole che affonda in un luogo misterioso.

Da sempre l’uomo sospetta che quello è il momento in cui i due mondi che ci assediano possono incagliarsi e perderci. Il mondo della realtà, che sperimentiamo tutti i giorni, e quello ignoto che ci sta accanto in cui conosciamo assai poco. Ne abbiamo percezione ma non conoscenza, e questo lo fa apparire pericoloso, infido, scivoloso, oscuro. Una cosa turpe e magnifica.

Nel momento preciso in cui il sole scompare, proprio in quel momento, in mezzo a bagliori di luci esaltanti, tra i due mondi si apre uno squarcio. E’ quello l’unico istante in cui c’è una comunicazione sensoriale tra i due universi. A qualcuno potrebbe accadere, in una vertigine di spazio e tempo di passare dall’uno all’altro e scomparire.

 

da “La vertigine del tramonto”, Pietro Calabrese

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati