introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

 

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va,

non ricordi più il viso, non ricordi la voce,

quando il cuore ormai tace,

a che serve cercare, ti lasci andare

e forse é meglio così.

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va,

l'altro che adoravi, che cercavi nel buio,

l'altro che indovinavi in un batter di ciglia,

tra le frasi, le righe e il fondotinta,

di promesse agghindate per uscire a ballare,

col tempo sai, tutto scompare.

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va,

ogni cosa appassisce, io mi scopro a frugare,

in vetrine di morte quando il sabato sera,

la tenerezza rimane senza compagnia.

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va,

l'altro a cui tu credevi anche a un colpo di tosse,

l'altro che ricoprivi di gioielli e di vento,

ed avresti impegnato anche l'anima al monte,

per cui ti trascinavi alla pari di un cane.

Col tempo sai, tutto va bene.

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va,

non ricordi più il fuoco,

non ricordi le voci della gente da poco

e il loro sussurrare,

non ritardare, copriti col freddo che fa.

Col tempo sai, col tempo tutto se ne va

e ti senti il biancore di un cavallo sfiancato,

in un letto straniero ti senti gelato,

solitario ma in fondo in pace col mondo

e ti senti tradito dagli anni perduti,

allora tu col tempo sai, non ami più.

 

da “Col tempo”, Franco Battiato

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati