introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

L’architettura contemporanea non mira all’eternità ma al presente: un presente, tuttavia, insuperabile. Essa non anela all’eternità di un sogno di pietra, ma a un presente “sostituibile” all’infinito. La normale durata di vita di un edificio può essere oggi stimata, calcolata (come quella di un’automobile), ma è solitamente previsto che a un certo momento un altro immobile lo sostituirà (che potrà avere l’aspetto di quello di prima o che potrà intrufolarsi dietro la facciata conservata di una costruzione più antica). La città attuale è così l’eterno presente: edifici sostituibili gli uni con gli altri ed eventi architettonici, “singolarità” che sono anche avvenimenti artistici concepiti per attirare visitatori da tutto il mondo.

 

da “Il troppo pieno ed il vuoto”, Marc Augé

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati