introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

È una fatica restare sensibili

alla luminosità debole.

Il peso è enorme per palpebre così sottili,

quasi trasparenti - quasi a offrire l’occhio

invece che a proteggerlo,

eccitarlo alla sensibilità della presenza

continua e dilatante della luce.

L’impalcatura della palpebra è un aquilone

e l’aria di tutte le ombre

lo spinge verso la sera

a essere membrana che allaccia

il nostro buio a quello della notte.

 

da “Casa dolce casa”, Antonella Bukovaz

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati