introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

Partire.

Viaggiatore senza bagaglio, ero partito un giorno

lasciando un libro aperto e dei passi nella neve.

Ritornare.

Quale pagina ho sospeso, quale immagine, quale viso.

Tornare, amore mio, a ritroso nella mia vita.

Ritornare.

Io torno da lontano, noi partimmo a milioni,

ma tornammo in pochi, sono rimasti i leoni.

Ritornare.

Quando non si ha più nulla, solo un nome su un marmo,

ma riaprire la casa e piantare altri alberi.

Dietro le tue spalle, nello specchio,

so che altri hanno preso il mio posto,

il tuo sguardo, come se mi cercasse,

passa su di me come un lampo.

Ritornare.

Da un’altra vita, forse, come se la tua memoria

avesse altre finestre ed io, un’altra storia.

Ritornare.

Mischiare i ricordi a degli strani riflessi

non è paura di morire, è vivere che è difficile.

Ritornare.

Ero partito un giorno, viaggiatore senza bagaglio

lasciando un libro aperto e dei passi nella neve.

Ritornare.

Amici miei, amore mio, essere soltanto di ritorno,

riaprire la casa e piantare altri alberi.

 

da “Partir, revenir”, Claude Lelouch

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati