introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

Quegli edifici abbandonati -una casa, una fabbrica ed un condominio- mi affascinavano. Le finestre sfondate, le tappezzerie ammuffite, le vernici scrostate, l'odore stantio del passato mi inducevano a tornarci in continuazione. Il più interessante era il condominio che, benché abbandonato, non era del tutto vuoto. Gli inquilini avevano lasciato tavoli, sedie, piatti, vasi, lampade, divani. Quasi tutti questi oggetti erano in pessime condizioni ed era comprensibile che nessuno avesse voluto portarseli via. Tuttavia, insieme a vecchi giornali e riviste, i tavoli, le sedie ed i piatti creavano l'illusione che lì vivesse ancora qualcuno: spettrali residui della vita che un tempo aveva animato quelle stanze.

 

da "Paragon Hotel", David Morrell

 
 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati