introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

Ex Colonia Marina "Bolognese"

Bellaria, Rimini

(20 immagini)

Puoi vedere anche lo slideshow relativo alla galleria "Lo stato dei luoghi" oppure guarda i video

 

La Colonia Marina "Bolognese", commissionata dalla Federazione dei Fasci di Combattimento di Riccione si chiamava "Decima Legio", nome del Fascio di Bologna ed è stata progettata dall'Ingegnere Ildebrando Tabarroni.
La Colonia comprende un fabbricato centrale che si eleva su tre piani, dove al piano terra trovano posto la cucina ed i servizi inerenti, al piano rialzato gli uffici di direzione ed amministrazione, ed al piano superiore le infermerie per malattie comuni, alle quali infermerie si accede direttamente dal vasto atrio di aspetto senza dover passare attraverso altri locali in modo tale che le infermerie vengono a trovarsi isolate dagli altri locali della Colonia.
Il predetto fabbricato centrale divide i due reparti per maschi e per femmine, situato il primo ad Ovest ed il secondo ad Est del fabbricato medesimo.

Ogni reparto comprende due padiglioni a tre piani, dove al piano terra vi sono i bagni di pulizia per entrambi (in tinozza ed a doccia), ed i locali ad uso guardaroba, stireria, magazzino, oltre ai refettori nel lato verso mare; al piano rialzato trovano posto i locali di soggiorno e di ricreazione, dove si raccoglievano i bambini durante le giornate di cattivo tempo quando cioè non sarebbe possibile ed opportuno tenerli sulla spiaggia. I dormitori sono suddivisi fra gli ultimi due piani.
Fra i due padiglioni menzionati, tanto nel reparto maschile che in quello femminile, opportunamente isolato, ma comunicante coi padiglioni mediante una galleria coperta, si trova un piccolo fabbricato dove trovano posto le latrine, i lavabi, i locali di servizio e del personale.

 

 

 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati