Le città, le grandi città, hanno un rapporto particolare con la storia. Questa invade il loro spazio con la commemorazione, con l’ostentata celebrazione di vittorie e conquiste. L’architettura segue la storia come un’ombra, anche se i luoghi del potere si spostano secondo le evoluzioni e le rivoluzioni interne. La storia è anche violenza e spesso lo spazio della grande città ne riceve in pieno i colpi e porta il segno delle ferite. Questa vulnerabilità e questa memoria somigliano a quelle del corpo umano, e sono indubbiamente esse che ci fanno sentire la città così vicina, così emozionante. La nostra memoria, la nostra identità sono messe in gioco quando la “forma della città” cambia e non abbiamo difficoltà a immaginare ciò che i suoi più brutali sconvolgimenti hanno potuto rappresentare per coloro che ne sono stati vittime insieme ad essa.

 

da "Il muro di Berlino", Marc Augé

 

entra - enter - entrer

 

       

 

 

 

Guarda i miei segnalibri - Look my bookmarks

 

Acquista il mio libro Abandoned places - Buy my book Abandoned places

 

Acquista il mio libro The silent cities - Buy my book The silent cities

 

Acquista il mio libro Architectural Visions - Buy my book Architectural Visions

 

Leggi l'intervista "Lorenzo Linthout e la fotografia di architettura, l’eleganza della purezza" su Artevitae

 

Guarda le mie fotografie selezionate per Art+Commerce/Vogue

 

Guarda il portfolio "Le città del silenzio" pubblicato su La Repubblica

 

Guarda l'articolo pubblicato su Scarto

 

Guarda l'articolo pubblicato su L'Arena

 

Guarda le mie fotografie in Digigraphie

 

Guarda le gallerie dei portfolio tematici

 

 

Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2020

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati