Secondo Proust, i paradisi migliori sono i paradisi perduti: è una frase giustamente famosa. Io mi permetto di aggiungere che forse esistono paradisi ancora più attraenti dei paradisi perduti: sono quelli che non abbiamo mai vissuto, i luoghi e le avventure che intravediamo laggiù, non alle nostre spalle o nei paradisi perduti che ci riempiono di nostalgia, ma davanti a noi in un futuro che un giorno, forse come i sogni che si avverano, riusciremo a raggiungere, a toccare. Chissà, forse il fascino del viaggiare sta in questo incanto, in questa paradossale nostalgia del futuro: è la forza che ci fa immaginare o illuderci di fare un viaggio e trovare in una stazione sconosciuta qualcosa che potrebbe cambiare la nostra vita. Forse uno smette veramente di essere giovane quando riesce solo a rimpiangere, ad amare, soltanto i paradisi perduti.

 

da "I paradisi perduti", Marcello Mastroianni

 

entra - enter - entrer

 

   

 

Guarda i miei segnalibri - Look my book bookmarks

 

Acquista il mio libro The silent cities - Buy my book The silent cities

 

Acquista il mio libro Architectural Visions - Buy my book Architectural Visions

 

Leggi l'intervista "Lorenzo Linthout e la fotografia di architettura, l’eleganza della purezza" su Artevitae

 

Guarda il portfolio "Vertical buildings" pubblicato su Corridor Elephant Magazine

 

Guarda le mie fotografie selezionate per Art+Commerce/Vogue

 

Guarda il portfolio "Le città del silenzio" pubblicato su La Repubblica

 

Guarda l'articolo pubblicato su L'Arena

 

Guarda le mie fotografie in Digigraphie

 

Guarda le gallerie dei portfolio tematici

 

 

Ultimo aggiornamento: 16 febbraio 2019

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati