Partire.

Viaggiatore senza bagaglio, ero partito un giorno

lasciando un libro aperto e dei passi nella neve.

Ritornare.

Quale pagina ho sospeso, quale immagine, quale viso.

Tornare, amore mio, a ritroso nella mia vita.

Ritornare.

Io torno da lontano, noi partimmo a milioni,

ma tornammo in pochi, sono rimasti i leoni.

Ritornare.

Quando non si ha più nulla, solo un nome su un marmo,

ma riaprire la casa e piantare altri alberi.

Dietro le tue spalle, nello specchio,

so che altri hanno preso il mio posto,

il tuo sguardo, come se mi cercasse,

passa su di me come un lampo.

Ritornare.

Da un’altra vita, forse, come se la tua memoria

avesse altre finestre ed io, un’altra storia.

Ritornare.

Mischiare i ricordi a degli strani riflessi

non è paura di morire, è vivere che è difficile.

Ritornare.

Ero partito un giorno, viaggiatore senza bagaglio

lasciando un libro aperto e dei passi nella neve.

Ritornare.

Amici miei, amore mio, essere soltanto di ritorno,

riaprire la casa e piantare altri alberi.

 

da “Partir, revenir”, Claude Lelouch

 

entra - enter - entrer

 

 

Mostra personale Le città del silenzio a Bonavigo (Verona) il 22, 23 e 24 giugno

 

Leggi l'intervista "Lorenzo Linthout e la fotografia di architettura, l’eleganza della purezza" su Artevitae

 

Acquista il mio libro Architectural Visions - Buy my book Architectural Visions

 

Guarda il portfolio "Vertical buildings" pubblicato su Corridor Elephant Magazine

 

Guarda le mie fotografie selezionate per Art+Commerce/Vogue

 

Guarda il portfolio "Le città del silenzio" pubblicato su La Repubblica

 

Guarda l'articolo pubblicato su L'Arena

 

Guarda le mie fotografie in Digigraphie

 

Guarda le gallerie dei portfolio tematici

 

 

Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2018

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati