introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

 

Verona, la mia cittÓ

Puoi vedere anche lo slideshow relativo alla galleria "Verona, la mia cittÓ" oppure guarda i video

 

Voria cantar Verona, a una šerta ora

de note, quando monta su la luna:

quando i boschi che dorme el par che i cora

dentro sogni de barche a far fortuna

drio a l'aqua de l'Adese, che va

in šerca de paesi e de šitÓ...

E alora che Ŕ finý tuto el sussurro

speciarla z˛ ne l'Adese, dai ponti,

e comodarla mi, muro par muro,

tuta forte nel šercolo dei monti...

E in dove che Ŕ piantÓ Castel San Pietro

su le rovine del teatro antico,

vÚdar levarse su come de fero

tuto intiero, el castel de Teodorico,

e imaginarme rampegada adosso

'na Verona cambiÓ nei so colori:

tore e muralie del quarel pi¨ rosso,

case dipinte e ponti levadori,

che se specia ne l'Adese, che va

in šerca de paesi e de citÓ...

Cosý messa la scena, eco, voria

castigar la šitÓ de quela gente

che, par odio o passion de signoria,

sempre in barufa par 'n'afar de gnente,

drio ai pilastri dei porteghi, nei vicoli

sconti, tra el fumo de le torse a vento,

su quela brama de sfidar pericoli

a tri, a quatro, a compagnie de šento

i se spetava par saltarse adosso,

pronti a la spada, ma al cortel pi¨ pronti,

pur che se veda corar sangue rosso,

pur che se senta tombolar da i ponti

qualche morto ne l'Adese, che va

in šerca de paesi e de citÓ!

Cosý messa la scena, eco, voria

portarve soto a una finestra granda,

tuta saor de vecia poesia,

a colonete che se raccomanda

a quei che passa, che no i volta via

sensa guardarla, sensa far dimanda

de qual vecia casada, eco, la sia,

ci sia mai quel paron che la comanda.

Da lÓ drento Giulieta discorea

co Romeo, col so dio, col so signor;

e l'era tanto el ben che i se volea

che no gh'Ŕ omo, no gh'Ŕ pianta o fior,

no gh'Ŕ mar, no gh'Ŕ Adese, che va

in šerca de paesi e de citÓ,

che possa dirlo!

O storia de morosi

capitada fin qua traverso i soni

de tanti inverni, quando ch'era sposi

i papÓ dei papÓ de i nostri noni;

e ciese grande da le porte verte

lavorade de rissi e de figura,

o madonte piturade e incerte

fra un San Bernardo e un San Bonaventura;

o marcanti de lane, o piere sante,

fate de un marmo che trÓ fora el griso

de le miserie de avý visto tante

ma el vostro muso l'Ŕ restÓ preciso:

tanto de rughe el tempo v'Ó segnado,

tanto de rughe el tempo v'Ó lustrÓ,

e l'Adese in passando v'Ó basado

e l'Adese rompendo v'Ó lavÓ...

Po' l'Ŕ tornado a posto e el s'Ó insognado

altri ponti, altre case, altre šitÓ!

 

da "Romeo e Giulietta", Berto Barbarani

 

 

Verona, la mia cittÓ

 

Le gallerie dello stato

dei luoghi di Verona

 

 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilitÓ

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia cittÓ

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati