introduzione  home  archivio home  slideshow  video  biografia  leggi il guestbook  firma il guestbook  riconoscimenti  links  @

 

Ex Carcere Militare "XXX Maggio"

Peschiera del Garda, Verona

(20 immagini)

Puoi vedere anche lo slideshow relativo alla galleria "Lo stato dei luoghi" oppure guarda i video

 

Nato come “Ospedale della Guarnigione” della piazzaforte asburgica a seguito delle sanguinose battaglie del 1859 e utilizzato successivamente come “Carcere Militare”, è un edificio che poteva ospitare fino a seicento feriti, in tempo di guerra, protetti da strutture a prova di bomba.

Il “Bombensicheres Garnisons Spital” è un edificio di progredita concezione funzionale e sanitaria; il piano seminterrato ospitava locali di servizio e depositi, mentre i piani superiori contenevano i servizi di reparto e le sale di degenza. Nelle ali posteriori erano disposti i servizi generali, gli uffici amministrativi e gli alloggi per il personale medico.

Il progetto era stato elaborato nel 1861 e la costruzione avviata nel 1864 e terminata del 1866.

Di particolare talento architettonico la “Genie Direction” è riuscita a situare nello spazio fra l’aggregato urbano e la cinta magistrale un edificio di rilevanti dimensioni; addossato al terrapieno della cortina cinquecentesca, si impone per l’estensione della facciata a ventuno campate e per l’orizzontalità del prospetto che per metà fa da fondale architettonico alla Piazza d’Armi.

E’ certamente l’opera di maggior rilievo nella scena urbana di Peschiera del Garda, non solo per le dimensioni d’impianto, ma soprattutto per la qualità edificatoria; nell’insieme, la costruzione trasmette un’immagine fortificatoria, materializzata dalla pietra bianca e grigia, dalla cornice a toro, ripresa dal disegno dei bastioni; questa architettura tramanda un’idea di saldezza classica che sembra aver fermato il tempo.

 

 

 

L'architettura

Il reportage

Lo stato dei luoghi

I ritratti urbani

 

La flora e la fauna

Il  lago di Garda

Varie

L'incomunicabilità

I paesaggi

La luce contro

Lo still life

 

Le geometrie

I particolari

I ritratti

I nudi

d'architettura

In fuga

dalla terra

Gli inganni

fotografici

Fra metafisica

e retorica

Verona, la

mia città

I miei

non luoghi

L'erosione

del neutro

 

Lorenzo Linthout - Tutti i diritti riservati